La spesa per la pubblica istruzione

Nel 2017 la spesa italiana per la pubblica istruzione ammontava a 66 miliardi di euro, leggermente meno della spesa per il pagamento degli interessi sul debito pubblico. Valutando la spesa pubblica per istruzione sia rispetto al Pil, sia rispetto alla spesa pubblica totale, l’Italia si colloca agli ultimi posti delle classifiche europee e dalla crisi del 2007-08 in poi il divario con le medie UE si sta allargando. Il problema riguarda soprattutto l’istruzione terziaria. Tenendo conto della struttura demografica della popolazione, le spese per istruzione pubblica primaria e secondaria del nostro Paese sono poco sopra alle medie UE, mentre quella per istruzione terziaria è al penultimo posto in Europa. Nonostante il recente aumento di spesa privata, la situazione per l’istruzione universitaria è in peggioramento: la spesa complessiva è calata di oltre 600 milioni tra il 2010 e il 2015. L’Italia presenta anche un numero di laureati ben minore della media UE.

In dettaglio:

La spesa pubblica italiana per istruzione in percentuale di Pil, pari al 3,8 per cento nel 2017, è ben al di sotto della media europea (4,6 per cento). L’Italia si colloca nelle ultime posizioni in Europa, seguita solamente da Bulgaria, Irlanda e Romania. Se invece si considera la spesa pubblica per istruzione in percentuale di spesa pubblica totale, l’Italia è all’ultimo posto in Europa con solo il 7,9 per cento a fronte di una media europea del 10,2 per cento.

Preoccupa anche l’andamento della spesa pubblica per istruzione. Dal 2007, infatti, la spesa per istruzione in percentuale di spesa pubblica totale è scesa di quasi due punti percentuali. Nello stesso intervallo di tempo di tempo la media UE è invece calata solo leggermente, passando dal 10,6 per cento al 10,2 per cento, il che significa che l’Italia oggi è più distante dalla media UE di quanto non lo fosse prima della crisi.

La riduzione nel peso della spesa per istruzione sul totale è avvenuto peraltro in un periodo in cui la spesa pubblica totale scendeva dell’1,3 per cento in termini reali. La spesa per istruzione scendeva ancora più rapidamente, del 9,1 per cento in termini nominali e del 19,6 al netto dell’inflazione.

Il crescente distacco con la media europea è certificato anche dal rapporto tra spesa per pubblica istruzione e Pil, in calo per l’Italia nel decennio 2007-2017 dal 4,5 al 3,8 per cento e contro un calo della media UE dal 4,9 al 4,6 per cento. Questo declino è avvenuto in modo più rapido rispetto ai cambiamenti demografici: tra il 2007 e il 2017 la quota di popolazione 3-25 anni sul totale della popolazione è calata del 2,3 per cento, mentre la spesa media per popolazione 3-25 anni in pubblica istruzione in rapporto al reddito pro capite è calata del 14,1 per cento.

Formazione Executive, al via i corsi dal 05 ottobre 2019

La sfida è partita già da tempo. E per Hermes University si tratta di una novità significativa: offrire per la prima volta un portafoglio di corsi nell’ambito della formazione executive. Si tratta quindi di percorsi di crescita attraverso la formazione dedicati agli imprenditori, ai professionisti e ai lavoratori dipendenti che hanno la fortuna di essere già inseriti nel mondo del business, ma che vogliono ampliare le proprie competenze (know-how) perché hanno capito che nell’era della conoscenza e del cambiamento:

  • Il posto fisso vita natural durante è una chimera;
  • più competenze hai meno potrai essere trattato come un ingranaggio;
  • più il tuo know how è aggiornato e completo meglio sarai spendibile nel mondo del lavoro;
  • più conosci e più avrai voglia di arricchire il tuo bagaglio di conoscenza.

L’educazione continua per chi già lavora è un’esigenza sempre più sentita e richiesta e, le realtà più dinamiche e innovative, stanno realizzando appositi percorsi formativi studiati per consentire di conciliare lavoro e necessità / voglia di acquisire nuove conoscenze e attitudini.

Ricorda che gli elementi principali che determinano la differenza professionale tra le persone riguardano la volontà e la capacità di avere sempre presente il proprio piano di sviluppo personale. Questo tipo di piano rappresenta la somma delle decisioni e delle azioni che ognuno di noi desidera compiere, per assicurarsi la crescita delle proprie competenze e conoscenze.

Ecco la prossima programmazione:

Tecniche di Marketing Strategico

05-06-19-20 ottobre 2019 – Roma

più info

L’Inglese a Modo Tuo – nuove tecniche di apprendimento in tempi rapidi

12-13-26-27 ottobre 2019 – Roma

più info

Tecniche di Eccellenza Imprenditoriale

09-10-23-24 novembre 2019 – Roma

più info

Tourism Management

15-16-29-30 novembre – 07 dicembre 2019 Roma

 

Contattaci all’indirizzo email staff@unihermes.org e saremo noi a chiamarti per darti tutte le info del caso, la chiamata non è assolutamente vincolante.

27 luglio 2019 Hermes University all’evento di Gaeta “Il Made in Italy è la nostra passione”

Sabato 27 luglio 2019 alle ore 17,30 presso la Sala Pio IX del Museo Diocesano di Gaeta si terrà l’incontro “Turismo e Cultura del territorio”, all’interno della due giorni dell’evento “Il Made in Italy è la nostra passione” organizzato dalla giornalista e fashion blogger Ketty Caraffa.

All’incontro partecipano il vice presidente di Hermes University l’avv. Barbara Empler, il prof. Stefano Gatto docente di Tourism Management e il prof. Iulian Vedescu docente di Benessere Psicofisico e Alimentazione.

 

maggiori informazioni

 

Riconoscimento delle Università Popolari C.N.U.P.I.

L’Università Popolare Hermes University è associata alla C.N.U.P.I. (Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane), Ente con personalità giuridica riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con D.M. 21.05.1991, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in data 30.8.1991 al n. 203. Il diritto di fregiarsi della denominazione “Università Popolare” è fruibile dalle associate C.N.U.P.I. in conformità all’approvazione dello Statuto di quest’ultima da parte del Consiglio di Stato (Sezione Seconda, 6.2.1991).

Nuova denominazione: HERMES UNIVERSITY

In data 15 febbraio 2019 l’Assemblea dei Soci ha approvato le modifiche statutarie all’OdG, tra esse anche la nuova denominazione dell’ente privato in HERMES UNIVERSITY.

In virtù di quanto ratificato sono in corso nel sito web le opportune modifiche correlate al cambio di denominazione.