Comunicato stampa: Mauro Giacchetti e Monia Ciocioni Brand Ambassador di Hermes University.

Hermes University è orgogliosa di presentare oggi i propri Brand Ambassador: Mauro Giacchetti e Monia Ciocioni. Professionisti affermati nel campo della comunicazione e del marketing, avendo ricoperto incarichi di Keynote Speaker e Social Media Manager per diverse società italiane ed estere anche quotate in borsa.

Mauro e Monia sono abituati a sfidare ogni limite per migliorare le proprie performance e hanno molto in comune con Hermes University e il suo claim “Superare noi stessi è il nostro obiettivo” che racchiude l’essenza della missione di entrambi.

“Siamo orgogliosi della partnership con Mauro Giacchetti e Monia Ciocioni – afferma Giuseppe Tanga, segretario generale e direttore esecutivo di Hermes University – Per la nostra università è un piacere e una grande opportunità affiancare due professionisti apprezzati come Mauro e Monia. Abbiamo fin da subito trovato con loro la giusta sintonia che, sono certo, porterà a ottimi risultati e reciproche soddisfazioni”.

I nostri Brand Ambassador saranno protagonisti sui social networks, in particolare LinkedIn, con una campagna di comunicazione per promuovere l’identità e i valori di Hermes University.

Accordo di collaborazione con Manpower Group

Hermes University e Manpower Group, attraverso il brand Manpower Academy, hanno firmato un accordo di collaborazione che offrirà alle aziende le soluzioni alle necessità di costruire una strategia di formazione ad alte performance, introducendo un nuovo metodo di apprendimento che si ispira alle neuroscienze cognitive.
Tale metodo consentirà di aumentare esponenzialmente l’efficacia del momento formativo, fondendo il coinvolgimento razionale ed emotivo in una opportunità di crescita complessiva delle persone, in grado di generare comportamenti nuovi e maggiormente contestualizzati.
La formazione potrà essere fruita sia in aula, sia con soluzioni e-learning. Sono previste soluzioni personalizzate quali l’affiancamento on the job, coaching individuale e team coaching, programmi di mentoring sia in presenza che da remoto.

Accordo di collaborazione con Fondazione Et Labora

L’accordo consente ai due enti di lavorare insieme per una “buona occupazione”, con l’obiettivo di offrire a giovani e adulti gli strumenti necessari per esprimere le proprie capacità al fine di realizzarsi a livello professionale e personale, alle imprese di assicurare la produttività aziendale con la formazione continua del personale.

Accordo di collaborazione con Conflavoro PMI Teramo

Hermes University più vicina al mondo produttivo grazie all’accordo di collaborazione con Conflavoro PMI Teramo. L’accordo ha come obiettivo la promozione di percorsi formativi congiunti e iniziative condivise, per contribuire al miglioramento delle performance economiche del territorio e fornire risposte alle imprese che hanno la necessità di costruire o migliorare la dotazione di competenze tecniche-professionali, trasversali e manageriali.

Gli investimenti nel capitale umano del PNRR

Il PNRR e il relativo Piano Complementare comportano spese per le “cose” (infrastrutture, digitalizzazione, e altre forme di “patrimonio fisico”) e spese per le “persone” (per rafforzare il “patrimonio umano”).
Seppure con gli adeguati distinguo solo un quinto (45 miliardi) finanzia il patrimonio umano. Di questi, 14 miliardi sono investiti in progetti finalizzati a formare nuove competenze, 6 miliardi sono destinati all’assunzione di nuovo personale, 19 miliardi vanno in progetti di ricerca-sviluppo e ampliamento dell’offerta di beni pubblici e 5 miliardi vanno in pubblica istruzione e formazione.

 

 

Fonte OCPI

Protocollo d’intesa tra Hermes University Beiersdorf e UNIAMO

Comunicato stampa

 Siglato il protocollo di intesa fra Hermes University, Beiersdorf e UNIAMO
 L’accordo prevede la promozione di attività di sensibilizzazione sulle malattie rare e la realizzazione di percorsi formativi specifici rivolti alle Associazioni

Roma, 28 gennaio 2022 –  È stato firmato l’accordo di collaborazione fra Hermes University, l’azienda Beiersdorf e UNIAMO Federazione Italiana Malattie Rare.

Il protocollo di intesa nasce per rispondere al bisogno da parte delle associazioni di pazienti di comunicare in maniera efficace la propria mission e individuare obiettivi, strumenti e metodi per informare i cittadini sulle malattie rare e sulle sfide che affrontano le famiglie degli oltre 2 milioni di italiani che vivono con una delle 7.000 patologie rare.
Il protocollo di intesa garantirà la realizzazione di attività di formazione e promozione culturale sulle malattie rare dirette anche all’opinione pubblica cittadina attraverso eventi, seminari, workshop e convegni e la promozione di attività di collaborazione scientifica sulle malattie rare.Grazie al protocollo di intesa sono state erogate 11 borse di studio a copertura totale del Corso di Alta Formazione in Community Engagement Consultant in Health Assessment, il primo percorso formativo in Italia nato con l’obiettivo di formare professionisti con solide competenze comunicative, fondamentali nel sistema sanitario per divulgare informazioni e creare consenso e coinvolgimento della propria comunità di riferimento e non solo.

Uniamo Federazione Italiana Malattie Rare
UNIAMO è il riferimento nazionale per oltre 2 milioni di persone con malattia rara e le loro famiglie. Da oltre 20 anni si impegna per amplificare la voce delle persone con malattia rara e garantire loro diritti e percorsi.
Rari, Mai Soli. www.uniamo.org  – comunicazione@uniamo.org

Hermes University
Hermes University è Università Popolare membro della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane, ente vigilato dal MIUR. Opera con criteri di valutazione di Terza Missione, ossia l’insieme delle attività con le quali le università interagiscono direttamente con la società, le organizzazioni imprenditoriali, le organizzazioni non-profit e il proprio territorio di riferimento, sia attraverso azioni di valorizzazione economica e il trasferimento delle competenze e delle conoscenze, sia attraverso attività di divulgazione scientifica. La Terza Missione delle università si affianca alle due missioni “tradizionali”, ovverosia insegnamento e ricerca. https://www.unihermes.org/

 Beiersdorf S.p.A
Beiersdorf S.p.A.con sede a Milano, è stata fondata nel 1931 ed  è una delle oltre 150 affiliate internazionali dell’azienda cosmetica Beiersdorf AG che ha sede ad Amburgo, in Germania. Da oltre 130 anni si dedica alla soddisfazione dei bisogni personali nel personal care. Il successo internazionale è basato sulla esperienza nella ricerca e sviluppo, sulla continua innovazione dei prodotti, e sui marchi di successo quali Nivea,  Eucerin, La Prairie, Labello, 8×4, e Hansaplast. La società sussidiaria Tesa è uno dei principali produttori al mondo di prodotti auto-adesivi e di soluzioni per l’industria, per l’artigianato e per le persone. Beiersdorf si impegna inoltre nel campo della sostenibilità ed è promotrice e finanziatrice di diversi progetti sociali nel mondo.

Scarica il comunicato stampa

Le università italiane nelle classifiche internazionali

Da vari anni, le classifiche internazionali delle università stanno acquisendo un peso crescente nelle scelte degli studenti e dei professori. In molti paesi, esse sono anche fra i fattori che determino le scelte di finanziamento sia dei governi che dei privati (imprese e fondazioni).

Le classifiche più utilizzate sono:

Il QS World University Ranking, compilato dall’azienda inglese Quacquarelli Symonds, specializzata nell’analisi dell’educazione universitaria;
Il Times Higher Education (THE) World University Ranking, sempre britannico, dapprima in partnership con QS ma separatosi nel 2009;
L’Academic Ranking of World Universities (ARWU), una classifica gestita da Shanghai Ranking Consultancy;
Il Ranking Leiden, prodotto dal Centre for Science and Technology Studies all’Università di Leiden (Olanda).

Ognuna di queste classifiche presenta caratteristiche diverse, da cui ne derivano specifici punti di forza o debolezza. Ad esempio, il THE è l’unico che tiene in considerazione in modo esplicito la qualità dell’insegnamento nei criteri di valutazione; nelle valutazioni del QS un peso notevole (40%) viene attribuito alla reputazione, valutata sulla base di sondaggi con circa 130mila persone (fra cui professori, ex studenti, datori di lavoro, ecc.); l’ARWU attribuisce un peso notevole al numero di Premi Nobel riconducibili ad una data università.

Il ranking Leiden differisce dagli altri perché si propone di valutare solo la qualità della ricerca e non anche quella dell’insegnamento; inoltre, non utilizza il criterio della reputazione, ma solo quello (in linea di principio meno soggettivo) delle citazioni su riviste.

La performance delle università italiane

Nel ranking THE si trovano 51 università italiane su 1.662 analizzate; 24 si trovano nei primi 500 posti. Per trovare la prima bisogna scorrere fino alla posizione numero 172; soltanto 2 delle prime 500 sono università del Sud, a fronte delle 7 del Centro e delle 15 del Nord.

Nel ranking QS (che considera 1.300 università in tutto il mondo) la prima italiana è al 142esimo posto; le italiane sono 10 in meno rispetto al THE (41), di cui 14 nelle prime 500 posizioni. Simile è la situazione nel ranking Leiden, che considera 42 università italiane (selezionate come le migliori per “intensità della ricerca”) su un totale di 1.225 università nel mondo. In questo ranking la prima italiana è tra le prime 100 posizioni (83esima). I risultati del ranking di Shanghai sono intermedi rispetto a quelli del THE e QS (45 italiane in totale e 19 nelle prime 500). In ogni caso, molte delle istituzioni italiane rientrano nelle fasce più basse in tutti i ranking (ovvero nella fascia 401°-500°, oppure oltre la posizione numero 500). Inoltre, la prevalente presenza di università del Centro-Nord è riscontrata in tutte le classifiche.

Procedura Operativa per la Gestione Terapeutica della Malaria

Le Memorie di Galeno – Collana Libri di Hermes University – si arricchisce di una nuova pubblicazione dal titolo: Procedura Operativa per la Gestione Terapeutica della Malaria, scritto da Mauro Berta e Angela Corpolongo, edito da PM Edizioni.
La malaria è un’infezione endemica diffusa in più di cento Paesi nel mondo e rappresenta ancora oggi una delle principali cause sia di mortalità, sia di morbilità. In una società sempre più globalizzata, ogni anno sono milioni i viaggiatori potenzialmente esposti al rischio di contrarre l’infezione malarica.
La pubblicazione ha avuto il sostegno dell’INMI Lazzaro Spallanzani di Roma e di Ambimed Group.